Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze pedagogiche è finalizzato a qualificare e valorizzare professionisti di alto profilo, nelle realtà che richiedono approfondite conoscenze e peculiari sinergiche competenze nell’ambito delle scienze pedagogiche, sociali, psicologiche e giuridiche, per contemperare esigenze riconducibili oltre che agli aspetti formativi anche agli aspetti di ordine psicologico, sociale e giuridico. Questi aspetti, in particolare, sono fondanti per assicurare le funzioni di progettazione, coordinamento, intervento e valutazione pedagogica, in contesti socio-giuridici. Il Corso di Studio, quindi, riassume le caratteristiche di fondo degli aspetti pedagogici sociologici e giuridici curando principalmente l’acquisizione di una comprensione sistematica e criticamente consapevole del sapere pedagogico, che può considerarsi calato – con flessibilità – all’interno dei diversi contesti nei quali oggi si esprime l’intervento formativo di alto livello, professionalmente configurato, come: socio-sanitario, socio-assistenziali, giudiziario, ambientale, dell’integrazione e della cooperazione internazionale. L’attività svolta si caratterizza con un’ottica sistemica e complessa, operando un’attenta analisi del contesto concreto di riferimento, con un ampio e strutturato controllo critico dei saperi formativi, di una ferrata attitudine al confronto e alla collaborazione interdisciplinare. Il Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche, inoltre, propone di fornire conoscenze e competenze relative al supporto dell’individuo diversamente abile tenendo conto anche dell’apporto disciplinare bio-psicologico e sociologico, che nel complesso concorrono a definire il profilo professionale. Una caratterizzazione del Corso di Studio è la presenza di due curricoli: il curriculum socio-giuridico, attraverso l’acquisizione di conoscenze e competenze culturali e pratiche di progettazione, coordinamento, intervento e valutazione pedagogica, fornirà gli strumenti per operare nel contesto giuridico per gli aspetti legati alla devianza minorile, all’affido, all’adozione, alle situazioni di abuso e maltrattamento di minori, alle nuove dipendenze. Nel complesso del Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche, la dimensione assiologica esprime la sensibilità che un Pedagogista deve esprimere verso il proprio sviluppo professionale, caratterizzato dall’eticità che corrisponde ad atteggiamenti di accoglienza, riflessività, apertura, dialogo e responsabilità verso l’educazione e la formazione delle intelligenze, riconoscendo in ogni individuo una persona portatrice di diritti e fragilità da proteggere e trasformare; riconoscendo altresì l’espressione del diritto di cittadinanza anche per i minori. La formazione del Pedagogista non può rinunciare quindi a considerare la deontologia che contraddistingue la professione educativa, delineandone conseguenti atteggiamenti e modus operandi. L’esercizio della professione di pedagogista comprenderà l’uso di strumenti conoscitivi, metodologici e di intervento per lo sviluppo e la prevenzione, la valutazione e il trattamento dei disagi manifestati dalle persone nei processi di apprendimento e/o formazione-educazione e può esercitare la sua azione in agenzie educative, in strutture pubbliche e private che si occupano, dall’infanzia all’età adulta, di persone con profondi bisogni specifici. Permetterà, inoltre, di svolgere incarichi professionali di alto profilo in contesti istituzionali e professionali, pubblici e privati, che abbisognano di competenze strutturali e consulenze esperte nel campo della ricerca nel settore della formazione in ambito sia teorico sia applicato, inclusa la formazione a distanza e la gestione dell’interazione di comunità di apprendimento on line.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI

Gli obiettivi del percorso di Laurea Magistrale in Scienze pedagogiche sono funzionali all’acquisizione di abilità teoriche e pratiche realizzando una formazione multidisciplinare, che comprende la pedagogia, la psicologia cognitiva e dello sviluppo, l’antropologia, la sociologia, la giurisprudenza e la valutazione. In concreto, il Corso di Studio propone specifici obiettivi formativi qualificanti, ovvero l’acquisizione e lo sviluppo di apparati concettuali e metodologici che consentano di:

• individuare e analizzare bisogni fisici, psicologici e sociali per definire le risposte indispensabili alle necessità di individui minori e adulti in difficoltà nelle diverse età della vita, in diversi ambiti culturali e sociali, nei servizi sanitari e socio-assistenziali;

• promuove progetti socioeducativi finalizzati alla prevenzione del disagio e al reinserimento come alternative all’assistenza, e particolarmente in relazione ad individui con esperienze di istituzionalizzazione;

• delineare e collocare adeguatamente nel tessuto sociale progetti socioeducativi e iniziative culturali in grado di ridimensionare le situazioni di disagio e le condizioni di devianza, soprattutto minorile, in favore del benessere individuale e sociale;

• progettare, di concerto con gli Enti Locali, interventi educativi finalizzati all’adozione e all’affido familiare;

• organizzare collaborazioni e intese con i servizi sociosanitari, le istituzioni pubbliche, le strutture di accoglienza, secondo modalità operative diversificate per livelli, obiettivi, strategie, contesti territoriali, utenti (con attenzione a tutte le età, dai minori agli anziani), aggiornate e coerenti con le innovazioni proposte dalla ricerca;

• assicurare una presenza di sostegno nelle strutture sanitarie, con un approccio metodologico-operativo volto alla riduzione del disagio, in particolare nei reparti di pediatria, oncologia, nelle strutture per malati terminali ed affetti da AIDS conclamato;

• approfondire le trasformazioni degli assetti dei processi di devianza e delinquenza minorile, in particolare, colti nelle loro dimensioni sociali, educative, economiche, politiche e territoriali;

• potenziare il significato psico-sociale, educativo e formativo degli interventi centrati sulle individuali competenze comunicative, espressive e relazionali.

Il Corso di Studio Magistrale in Scienze pedagogiche, intende quindi formare professionisti in pedagogia in grado di dimostrare competenze, conoscenze e abilità, teoriche e pratiche, collegate sia al settore specifico della dimensione pedagogica, attraverso lo studio di tecniche di progettazione, coordinamento, gestione e valutazione di percorsi formativi, sia al settore della dimensione psicologica e sociale, approfondendo i diversi processi di apprendimento e di comportamento, sia, infine, al settore antropologico, esaminando le problematiche specifiche delle società in cui viviamo, come integrazione e inclusione di etnie diverse e culture diverse, e dell’ambiente. Per il raggiungimento degli obiettivi specifici il percorso formativo è organizzato in modo da acquisire progressivamente le competenze, conoscenze e abilità, teoriche e pratiche, collegate sia all’acquisizione di autonomia scientifica e di coordinamento, intervento e valutazione pedagogica, in vari contesti socio-educativi e socio-assistenziali, approfondendo lo studio di tecniche di progettazione, coordinamento, gestione e valutazione di percorsi formativi sia del settore specifico della dimensione psico-pedagogica, approfondendo i diversi processi di apprendimento e di comportamento, sia al settore socio-giuridico approfondendo gli aspetti dell’organizzazione delle comunità sociali e delle la capacità di riconoscere la devianza, soprattutto dei minori. Il percorso formativo comprende, nell’organizzazione della didattica assistita attività esperenziali attuate attraverso e il tirocinio e la didattica interattiva. In particolare, il tirocinio svolto esternamente all’università, è caratterizzato e finalizzato all’impegno diretto dello studente in attività tipiche del lavoro in grado di fare emergere, all’interno dell’esperienza, sia la maturazione e la progressiva apertura alla relazione interpersonale sia l’elaborazione di una metodologia di lavoro personale.

CURRICULUM PSICO-EDUCATIVO

PRIMO ANNO

Didattica e neuroscienze
Teorie e modelli dei processi educativi
Storia del pensiero scientifico
Psicologia dei processi mnestici e motivazionali
Antropologia culturale c.a.
Principi diritto penale e giustizia minorile
Inglese

SECONDO ANNO

Sociologia della devianza
Metodologie e tecniche della ricerca educativa e valutativa
Sociologia dei processi culturali e comunicativi
Sociologia dei processi economici e del lavoro
Materia a scelta
Tirocinio
Prova finale

Scrivici per avere informazioni

Appartieni alle forze armate o dell'ordine?NoSi
Si autorizza il trattamento dei dati inseriti, ai sensi del decreto legislativo 196/2003AutorizzoNon autorizzo