Indietro

A che ora iniziare a studiare? Abbiamo pensato di realizzare una breve guida per gli studenti universitari alle prese con questa fatidica domanda: scopriamo insieme quali sono i migliori orari per studiare e come pianificare il lavoro nel modo più efficace. 

 

Come scegliere l’orario migliore?

Anche se non esiste una legge universale e le abitudini di studio variano da studente a studente, va detto che il nostro organismo segue dei ritmi precisi che sono regolati dall’alternanza tra il giorno e la notte. Un’attività impegnativa come quella dello studio deve necessariamente rispettare questi ritmi e le esigenze dell’organismo. La stanchezza ed il calar del sole portano inevitabilmente ad una diminuzione della concentrazione: ovviamente questo “calo fisiologico” ha effetti negativi sul rendimento nello studio. Consigliamo dunque di sfruttare i momenti della giornata in cui ci si sente più energici, concentrati ed attivi. In questi momenti potrai dedicarti allo studio più impegnativo e destinare così la semplice lettura al resto della giornata. Inoltre, impara ad ascoltare anche il tuo stomaco ed i tuoi occhi. Se senti di avere fame o sonno segui i tuoi impulsi. Studiare affamati o insonnoliti non è affatto produttivo.

Studiare la mattina!

Un buon momento della giornata per iniziare a studiare è senza dubbio la mattina: con la mente fresca ed una colazione adeguata siamo pronti per apprendere e ragionare al meglio!

Anche le ore subito dopo il pranzo rappresentano un buon momento per iniziare a studiare: basta riuscire a superare il desiderio di appisolarsi che arriva subito dopo aver mangiato. Per questo, se decidi di sfruttare le ore del primo pomeriggio per studiare, evita di fare pranzi troppo pesanti, a base di carboidrati e grassi saturi. Opta sempre per un pasto leggero e facilmente digeribile. Se hai sonno, lasciati andare ad una mezz’ora di pisolino e vedrai che, con la mente riposata, recupererai benissimo il tempo passato a dormire. Lo stesso discorso vale per la sera. Se riesci, cerca di studiare fino a prima di cena. Dopo aver cenato il cervello inizia a produrre serotonina, un ormone responsabile della sensazione di sonnolenza e lottare contro il sonno non è una battaglia facile da vincere.